Crea sito

Libertà è partecipazione, l’Estate di Civico97

Diapositiva1

Libertà è partecipazione, scriveva Gaber in una delle sue canzoni più conosciute. Principio più che mai attuale, perché, per citare sempre il grande cantautore, ormai non si può più far finta di essere sani. E i nostri mali, solo apparentemente incurabili, si chiamano mafia e corruzione.

Molti sono assuefatti dall’idea che nulla potrà mai cambiare e per questo scelgono di non lottare. Ma l’indifferenza è un sintomo della malattia, mentre la partecipazione la vera cura.

L’estate di Civico97 ha avuto questa parola d’ordine. Da nord a sud, dal bene confiscato di Vigevano a quello di Teano, abbiamo raccontato nei campi di E!state Liberi l’esperienza della nostra associazione, che da un anno e mezzo a questa parte, lavora sui temi della corruzione, dell’anticorruzione, delle mafie e dei beni confiscati. Ma soprattutto, dobbiamo dire, ci siamo arricchiti noi stessi, trovando nella voglia di partecipazione (e cambiamento) dei giovani che abbiamo incontrato, una spinta a fare ancora di più.

Noi che abbiamo trascorso una parte delle nostre estati nei campi di Libera, tra gli ulivi siciliani, i peschi di Scampia e il miele di Gaggiano, abbiamo fortemente voluto dare il nostro contributo a questa importante iniziativa, perché crediamo che questa sia la strada giusta per coinvolgere e sensibilizzare le nuove generazioni.

D’altronde anche le nostre magliette  richiamano proprio il tema dei campi sequestrati alle mafie, perché è dal loro riutilizzo sociale che dobbiamo ripartire.

Civico97 invita tutti i giovani e i meno giovani a donare una settimana della propria vita ai campi di formazione nei terreni sequestrati alle mafie. Vi assicuriamo un’esperienza che vi permetterà di lasciare qualcosa di voi su quelle terre, tornando infinitamente più arricchiti.