Crea sito

Pubblicazione della Relazione annuale dei Responsabili della Prevenzione alla Corruzione

#PillolaCivica1

pillola7

Civico97 ha inaugurato la propria nascita con il “Primo rapporto sulla Relazione annuale dei Responsabili della Prevenzione della Corruzione.”

La Relazione annuale consiste in un documento tramite cui i Responsabili della Prevenzione della Corruzione esprimono le proprie considerazioni in merito al ruolo affidatogli e fanno il punto della situazione sullo stato di attuazione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione.

L’analisi svolta da Civico97 ha preso il via da un’attività di monitoraggio riguardante la pubblicazione della Relazione annuale, all’interno della sezione “Amministrazione Trasparente” predisposta nei siti internet dei 119 comuni italiani capoluogo di provincia.

La Relazione annuale doveva essere pubblicata entro il 15/01/2016 e nella forma della scheda Excel predisposta dall’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Civico97 ha reputato adempienti:

I comuni che hanno pubblicato la Relazione nel termine e nel formato predisposto.

Civico97 ha valutato inadempienti:

I comuni che non hanno pubblicato il documento;

I comuni che hanno pubblicato la Relazione, ma in un formato diverso da quello predisposto da A.n.a.c.

Ecco quanto emerso

Tabella 11Figura1

Come si può vedere, la maggioranza delle amministrazioni locali dei capoluoghi di provincia d’Italia ha pubblicato correttamente le Relazione, rispettando la forma e il termine indicati da A.n.a.c..

I comuni italiani capoluogo di provincia che non hanno pubblicato il documento sono Agrigento, Avellino, Benevento, Bolzano, Crotone, Foggi, Forlì, Mantova, Matera, Pesaro , Potenza, Piacenza, Rimini, Terni, Trieste, Udine, Viterbo.

I comuni valutati inadempienti per l’erronea scelta del formato della Relazione sono Brindisi, Imperia, Messina, Savona, Torino.

Con questa percentuale

Figura2

Riguardo a queste ultime 5 città inadempienti rimane l’amarezza nel vedere come alcuni comuni, nonostante la corretta elaborazione della Relazione, abbiano caricato il documento in un formato non consentito A.n.a.c..
Ciò è sintomo di una Pubblica Amministrazione distratta, poco attenta e non adeguatamente sensibilizzata in materia di anticorruzione.

Per quel che riguarda la pubblicazione della Relazione annuale, si ritiene che i comuni italiani capoluogo di provincia abbiano dimostrato complessivamente un’attenzione discreta e si giudica ampio il margine di miglioramento.

Per un maggiore approfondimento scarica il Rapporto completo.