Crea sito

La Formazione nella Relazione annuale dei Responsabili della Prevenzione alla Corruzione

#PillolaCivica2

Pillola2

All’interno del “Primo rapporto sulla Relazione annuale dei Responsabili della Prevenzione della Corruzione”, Civico97 ha voluto riservare un approfondimento in merito all’erogazione, da parte dei i 119 comuni italiani capoluogo di provincia monitorati, di una formazione dedicata specificamente alla prevenzione della corruzione, diretta ai propri dipendenti.

Il lavoro di monitoraggio si è concentrato sui 102 comuni italiani capoluogo di provincia che, alla data del 16/01/2016, avevano pubblicato la Relazione annuale: di questi 97 hanno pubblicato la Relazione nella forma e nel termine prescritti, mentre 5 non hanno rispettato il modello di Relazione predisposto da A.n.a.c..

Lo schema della Relazione chiedeva al Responsabile anticorruzione di ciascun ente di indicare se, nell’anno 2015, fosse stata erogata una formazione dedicata alla prevenzione della corruzione.

Il Responsabile era chiamato a rispondere:

  • sì;
  • no, anche se la misura era prevista dal P.T.P.C. con riferimento all’anno 2015;
  • no, la misura non era prevista dal P.T.P.C. con riferimento all’anno 2015.

Dalla raccolta dei dati sono emersi i seguenti risultati:
Formazione Tabella 4

Formazione figura4

La quasi totalità degli enti ha dichiarato di aver erogato una formazione specifica dedicata alla prevenzione della corruzione.

I comuni inadempienti sono stati Frosinone, Caserta, Como, Enna e Messina.

Da quanto emerge dalle Relazioni annuali, i soggetti incaricati dell’erogazione della formazione appartengono alle seguenti categorie:

  • Scuola Nazionale dell’Amministrazione;
  • università;
  • altro soggetto pubblico;
  • soggetto privato;
  • formazione in house;
  • altro.

Formazione figura 5
La formazione rappresenta, oggi, lo strumento più importante per la crescita della Pubblica Amministrazione. La diffusione di meccanismi illeciti nel Settore Pubblico dipende, infatti, dalla presenza di un comparto amministrativo poco preparato, consapevole e sensibile all’importanza del proprio ruolo. Un Settore Pubblico spesso carente da un punto di vista culturale e civico.

La positività dei dati raccolti e il grande ventaglio di soggetti impegnati nella formazione testimoniano come sia stata imboccata la strada giusta per prevenire concretamente la corruzione. Tuttavia, come si può leggere dal Rapporto, la formazione, erogata in maniera così diffusa e da parte di una tale molteplicità di soggetti, manca di dare dei risultati concreti.

Per un maggiore approfondimento Scarica il Rapporto completo e Leggi la #Pillola1